Enciclopedia

POPOLARE: Nella nostra vita: 30 ° anniversario della prima visita negli Stati Uniti dei Beatles -

Il fandom frenetico noto come Beatlemania era già in pieno svolgimento in Gran Bretagna quando i Beatles (John Lennon, Paul McCartney, George Harrison e Ringo Starr) sbarcarono il 7 febbraio 1964 all'aeroporto di New York City ribattezzato Pres. John F. Kennedy, il cui assassinio del novembre 1963 la nazione piangeva ancora. Gli adorabili mop top di Liverpool, in Inghilterra, si sono rivelati una sensazione. Circa 5.000 baby boomer adolescenti salutarono il loro arrivo, ma due notti dopo, quando 73 milioni di americani guardarono i Beatles al "The Ed Sullivan Show", si verificò un'esplosione nella cultura popolare che stava ancora trasmettendo onde d'urto 30 anni dopo.

La musica popolare era in uno stato pallido. Elvis Presley era tornato dall'esercito americano "addomesticato", Buddy Holly era morto e sani artisti bianchi fiorivano con cover sterilizzate di canzoni rock-and-roll ai cui autori afroamericani era ancora per lo più negata la riproduzione radiofonica. Il rock and roll sopravvisse a Liverpool, tuttavia, ei marinai portarono dischi dagli Stati Uniti.I Beatles - influenzati da Presley, Holly, Little Richard, Chuck Berry e gli Everly Brothers - rivendicarono il rock and roll come loro e lo reintrodussero Adolescenti americani, che erano diventati una nuova classe sociale con tempo libero e soldi da spendere.

Scrivendo le proprie canzoni, i Beatles hanno cambiato il ruolo degli artisti pop. Inizialmente, le composizioni di Lennon-McCartney e Harrison erano semplici canzoni d'amore, ma nelle canzoni popolari "serie" di Bob Dylan i Beatles hanno riconosciuto nuove possibilità per i temi, il linguaggio e le immagini delle canzoni pop. Laddove una volta la musica pop aveva forse mirato principalmente a intrattenere, divenne sempre più intimamente coinvolta nelle questioni politiche e sociali più controverse del giorno.

Nel processo i Beatles divennero portabandiera di una rivoluzione culturale in cui la giovinezza era il denominatore comune. Dal 1964 alla loro rottura nel 1970, sembravano essere in prima linea non solo nella musica pop, nella moda e nel cinema, ma anche nella politica e nel pensiero dei giovani. I loro album erano come messaggi dal fronte, in qualche modo catturano perfettamente lo zeitgeist. Camaleontici, i Beatles sembravano anche aprire la strada verso una coscienza superiore, sperimentando allucinogeni, misticismo orientale e politiche di pace. In definitiva, se guidavano o erano solo i seguaci più vistosi è forse meno importante del loro status di simbolo della loro generazione.

Nel 1994 i tre Beatles rimasti (Lennon fu assassinato nel 1980) collaborarono a un documentario di 10-12 ore sulla loro storia per la televisione britannica. Stavano anche registrando di nuovo insieme, con - su almeno una canzone - la voce di Lennon fornita da brani realizzati prima della sua morte. Inoltre, Live at the BBC, un doppio CD contenente 56 canzoni registrate dai Beatles per la radio britannica tra il 1962 e il 1965, e Backbeat, un lungometraggio che racconta gli esordi della band, furono pubblicati nel 1994. Jeff Wallenfeldt