Enciclopedia

Famiglia Pepoli - Famiglia italiana -

Famiglia Pepoli , famiglia che ebbe un ruolo importante nella vita politica ed economica della Bologna del XIII e XIV secolo.

I Pepoli, ricchi banchieri, erano capi del partito guelfo (papale) e aiutarono a espellere il ghibellino (imperiale) Lambertazzi dalla città nel 1274. Romeo de 'Pepoli governò la città per diversi anni, ma un'insurrezione lo costrinse a fuggire con il suo famiglia, e morì in esilio nel 1321. Suo figlio Taddeo, che aveva conseguito un dottorato in giurisprudenza presso l'Università di Bologna, seguì il padre in esilio, ma dopo sei anni tornò a Bologna e nel 1337 fu acclamato signore della città , assumendo il titolo di "custode della pace e della giustizia". Papa Benedetto XII lo riconobbe successivamente vicario pontificio.

Dopo la morte di Taddeo, i suoi figli furono costretti a cedere Bologna al crescente potere dei Visconti di Milano, e la città cadde sotto il governo dell'Arcivescovo Giovanni Visconti nel 1352. Incapaci di recuperare la loro posizione politica, i Pepoli divennero soldati, studiosi, letterati uomini e giuristi. Nell'Ottocento la famiglia era attiva nel Risorgimento, il movimento per l'Unità d'Italia.