Enciclopedia

Royal Commission on the Press - organizzazione britannica -

Royal Commission on the Press (RCP) , uno dei tre gruppi nominati dal governo del Regno Unito nel 20 ° secolo (1947-1949; 1961-1962; 1974-1977) per indagare sulle questioni relative agli standard della stampa e alla concentrazione della proprietà e formulare raccomandazioni per miglioramenti in quelle aree. I loro consigli si sono concentrati su riforme autoregolamentate e misure antimonopolistiche ed è stato considerato come aver principalmente rafforzato lo status quo. Quel conservatorismo derivava in gran parte dalla forte influenza della tradizione liberale, con la sua enfasi sulla protezione della stampa dall'ingerenza statale. Inoltre, i successivi governi britannici non riuscirono a mettere in atto la più riformista delle raccomandazioni.

Il primo RCP è stato convocato, dopo alcune sollecitazioni da parte dell'Unione nazionale dei giornalisti, per esaminare l'effetto della proprietà concentrata dei media sulla libertà di espressione giornalistica. Il rapporto della Commissione del 1949 affermava che "la libera impresa è un prerequisito per una stampa libera". Ha concluso che, nonostante alcuni problemi con i monopoli locali e la proprietà a catena, "il grado di concentrazione ... non è così grande da pregiudicare la libera espressione di opinioni o l'accurata presentazione delle notizie". Tuttavia, ha raccomandato il monitoraggio di acquisizioni e fusioni.

Nel 1962 era diventato chiaro che l'ottimismo del rapporto sull'efficacia dell'autoregolamentazione era stato mal riposto. La seconda commissione, che si è concentrata sui “fattori economici e finanziari che influenzano la produzione e la vendita di giornali, riviste e altri periodici nel Regno Unito”, è giunta alla conclusione che, data l'economia di produzione e vendita, ulteriore contrazione delle testate e concentrazione erano quasi inevitabili. Tuttavia, ha rifiutato l'assistenza finanziaria del governo ai giornali e ha invece raccomandato al governo di approvare le acquisizioni di stampa proposte da grandi gruppi. Ha anche affermato che le partecipazioni della stampa in società di radiodiffusione erano "contrarie all'interesse pubblico".

La terza commissione, nelle sue conclusioni del 1977, ha segnalato un ulteriore calo della diversità dei giornali, soprattutto a causa degli alti costi di ingresso e delle economie di consolidamento. Allontanandosi dalle raccomandazioni delle precedenti relazioni, ha anche fatto riferimento alla necessità di proteggere editori e giornalisti dai proprietari e ha sottolineato l'importanza di preservare la libertà di scelta del pubblico. Tuttavia, ha escluso qualsiasi forma di assistenza governativa. Invece, ha raccomandato il deferimento di più casi alla Commissione per i monopoli e le fusioni, l'inasprimento dei test di approvazione (che è stato ignorato) e la limitazione delle partecipazioni della stampa nelle trasmissioni. Tale raccomandazione è stata emanata nel Broadcasting Act del 1981 ma è stata attenuata negli anni '90.

Per quanto riguarda le prestazioni della stampa, gli RCP hanno costantemente sostenuto il principio di autoregolamentazione. La prima commissione ha raccomandato l'istituzione di un consiglio generale per occuparsi di questioni di standard e formazione e per promuovere la ricerca sulla stampa. Il Consiglio Generale della Stampa fu formato solo nel 1953 ed era composto esclusivamente da redattori di giornali e finanziato dai proprietari di giornali. La seconda commissione ha criticato pesantemente il consiglio e ha raccomandato l'inclusione di membri esterni all'industria dei giornali. L'organismo di regolamentazione si è poi riformato come il Consiglio della Stampa, composto da un quinto di membri laici. La terza commissione è rimasta critica nei confronti del lavoro di quell'organismo, in particolare nella gestione delle denunce presentate contro i giornali. Ha raccomandato "cambiamenti di vasta portata" nella sua composizione, finanziamento e funzionamento,ma il consiglio non è riuscito a riformare e non ha mai raggiunto i suoi obiettivi. Tra le rinnovate minacce di regolamentazione statutaria, soprattutto a causa dell'invasione della privacy da parte dei tabloid, il consiglio è stato sostituito nel 1991 dalla Press Complaints Commission (PCC). Il PCC, nell'ambito del suo mandato più ristretto, era generalmente considerato un autoregolatore in qualche modo più efficace del suo predecessore.

Gli RCP e le loro raccomandazioni hanno prodotto pochi cambiamenti. Nonostante le successive inchieste che esaminano la stampa e le leggi private che richiedono una legislazione, la stampa nel Regno Unito è ancora, a differenza delle trasmissioni, in gran parte autoregolata. Inoltre, gli RCP hanno avuto scarso impatto sulla promozione della professionalizzazione e di una cultura del servizio pubblico.

La fiducia del pubblico nella stampa britannica è rimasta bassa durante l'era del PCC, ma ha raggiunto il punto più basso con uno scandalo di pirateria informatica del 2011 che ha coinvolto il quotidiano più venduto del paese, News of the World . È emerso che gli editori del giornale, di proprietà della News Corporation Ltd. di Rupert Murdoch, avevano intercettato i messaggi vocali di migliaia di personaggi pubblici e altri giornalisti per ottenere informazioni private. Lo scandalo risultante portò a un'inchiesta pubblica guidata dal Lord Justice Brian Leveson e alla successiva creazione di un nuovo gruppo di controllo del governo che avrebbe conferito poteri statutari ai regolatori della stampa. Gli editori di giornali hanno obiettato sulla base del fatto che il controllo politico sulla regolamentazione dei media era fondamentalmente incompatibile con una stampa libera.