Enciclopedia

Design intelligente: concetto scientifico o visione religiosa? -

Nel 2006, sulla scia di un caso giudiziario statunitense che ha respinto l'argomento secondo cui il design intelligente (ID) aveva un posto nelle aule di scienze delle scuole pubbliche americane, il dibattito tra i sostenitori dell'ID e i suoi critici nella comunità scientifica è stato in grande rilievo. In un certo senso ID era un concetto che sosteneva la presenza di un "designer intelligente" per aiutare a comprendere lo sviluppo della vita sulla Terra, ma in pratica è servito come base per un movimento che ha cercato di rovesciare l'approccio standard della scienza, chiamato "Naturalismo metodologico", che per definizione esclude la considerazione della spiegazione soprannaturale per i fenomeni scientifici.

Il movimento ID ha preso forma nei primi anni '90 con il lavoro di Phillip Johnson, uno studioso di diritto, e si è diffuso per la prima volta all'attenzione nazionale nel 1996, quando Michael Behe, un biologo molecolare, pubblicò Darwin's Black Box: The Biochemical Challenge to Evolution (2a rivista ed., 2006). Behe enunciò i precetti per il dibattito sull'ID, in primo luogo la sua affermazione che la "complessità irriducibile" negli organismi biologici non poteva sorgere attraverso i meccanismi di evoluzione darwiniani standard. C'è stato un dibattito complementare su ciò che costituisce la scienza e su chi prende tale decisione. La misura in cui la ID potrebbe essere definita scienza è stata la questione legale principale nel contenzioso relativo all'insegnamento della ID nelle scuole pubbliche.

Il lavoro dei teorici dell'ID si basava su un ragionamento reso popolare da William Paley (1743-1805). Nella sua teologia naturale(1802), Paley descrisse quello che vedeva come il design ovvio nelle parti degli esseri umani e di altri organismi, concludendo che tale design richiedeva l'esistenza di un designer. Il lavoro di Paley esponeva quello che allora veniva chiamato "l'argomento del design", in cui il design in natura era considerato una prova dell'esistenza di Dio. Si osservò che specie di esseri viventi mostravano "adattamento perfetto" al loro ambiente, un'altra prova dell'azione di Dio sulla Terra. Ironia della sorte, i pio naturalisti che hanno documentato il "perfetto adattamento" stavano raccogliendo prove nella forma esatta che Darwin utilizzò in seguito per ipotizzare la selezione naturale. Poiché i processi selettivi ("la lotta per l'esistenza") erano, secondo Darwin, naturali, la sua teoria è stata descritta come una "teologia senza religione."Lascia intatti l'adattamento perfetto e il design e sostituisce un processo naturale - la selezione di tratti che aumentano le possibilità di sopravvivenza di una popolazione in una determinata nicchia - per un designer.

Sia gli amici che i nemici del movimento ID lo percepivano come alleato con il creazionismo scientifico (l'idea che i fatti scientifici possano essere addotti a sostegno di una creazione speciale, cioè la creazione divina delle varie forme di vita). I principali sostenitori dell'ID sostenevano, tuttavia, che l'ID non prendeva posizione sulla creazione e non si preoccupava del letteralismo biblico. Di conseguenza, non ha contestato la visione scientifica prevalente sull'età della Terra, né ha contestato il verificarsi di piccoli cambiamenti evolutivi, che sono ampiamente osservati e apparentemente funzionano per selezione naturale. Tuttavia, ha avvertito che anche se si è compreso il funzionamento di processi molecolari complessi, nessuno era stato in grado di dire come si originassero sistemi così complessi.

Complessità irriducibile contro ridondante.

Il cuore della critica ID dell'evoluzione è l'esistenza di ciò che Behe ​​ha identificato come sistemi irriducibilmente complessi. Un tale sistema, secondo Behe, è "composto da diverse parti interagenti ben abbinate che contribuiscono alla funzione di base, in cui la rimozione di una qualsiasi delle parti fa sì che il sistema cessi effettivamente di funzionare". Behe ha offerto tre esempi principali nell'area della biochimica: (1) il flagello batterico, utilizzato per la locomozione, (2) la cascata di reazioni molecolari che si verificano nella coagulazione del sangue e (3) il sistema immunitario. Come l'esempio di base di Behe ​​di trappola per topi, questi sistemi non possono funzionare se una parte viene rimossa.Behe ha sostenuto che la necessità di parti interdipendenti in un sistema irriducibilmente complesso potrebbe essere spiegata al meglio come il prodotto intenzionale del design e non uno che nasce da lievi cambiamenti nelle parti componenti attraverso la mutazione casuale e la selezione naturale.

Negli anni trascorsi da quando l'ID è stato proposto per la prima volta come un'alternativa coerente all'evoluzione, i motivi del dibattito si sono spostati a causa dei progressi concettuali nella biologia molecolare che fanno luce su come si possa ottenere una complessità apparentemente irriducibile. I possibili approcci che i biologi evoluzionisti hanno fornito per spiegare i tre esempi di complessità di Behe ​​e altri obiettivi antievoluzionisti come la complessità dell'occhio umano includono (1) la natura auto-organizzativa dei sistemi biochimici, (2) la ridondanza incorporata di complessi organici strutture (se un passaggio cruciale è assente, altri processi possono ottenere lo stesso risultato), e (3) il ruolo di processi esplorativi versatili che, nel corso del loro normale funzionamento fisiologico, possono aiutare a dare origine a nuove strutture utili del corpo . Allo stesso tempo,ID non è stato in grado di generare un programma di ricerca scientifica, che inevitabilmente amplia il divario tra esso e le norme stabilite della scienza.

Sia i teorici dell'ID che gli evoluzionisti darwiniani tradizionali hanno comunemente fatto affidamento su una definizione eccessivamente semplificata di mutazione, che alimenta l'orrore della casualità che tipicamente mostrano gli antievolutionisti religiosi. Infatti, la selezione delle mutazioni è limitata dall'adattabilità dell'organismo. La mutazione non è una “passeggiata aleatoria” ma è vincolata dal requisito che si adatti a un sistema organico preesistente (o che stabilizzi l'adattamento a una nicchia già in atto).

Contenzioso in insegnamento ID.

Il posto dell'ID nelle scuole pubbliche americane è stato oggetto di contenzioso, come in precedenza per il creazionismo scientifico. La strategia era quella di scrivere statuti che ordinassero o permettessero l'insegnamento di ipotesi alternative all'evoluzione nelle classi di scienze della scuola pubblica. In parte, questi casi giudiziari si sono basati, quindi, su come viene definita la scienza. Coloro che sostengono di assegnare lo stesso tempo per le ipotesi alternative affermano che l'approccio standard alla scienza è eccessivamente ristretto perché limita la ricerca solo a ciò che può essere stabilito empiricamente. Coloro che si oppongono a tali statuti sostengono che la scienza può affrontare qualsiasi proposta purché sia ​​verificabile o "falsificabile". Ciò che non è verificabile non può rientrare nel dominio della scienza, perché la scienza si occupa solo di fatti empirici.

Nel caso McLean v. Arkansas del 1982 , riguardante l'insegnamento del creazionismo, lo stato ha sostenuto che l'evoluzione non era falsificabile. Il giudice del processo, William R. Overton, si è pronunciato contro lo statuto statale sulla parità di tempo, affermando che il creazionismo per definizione non era falsificabile. Questo processo e pochi altri simili formarono il contesto immediato in cui lo stesso tempo per l'identificazione è stata contestati nel Kitzmiller v. Dover Area School Districtalla fine del 2005. Il consiglio scolastico del distretto, che include Dover, Pa., aveva cercato di introdurre l'ID nelle scuole pubbliche locali come visione alternativa della biologia. Behe, testimoniando per la difesa, ha riassunto l'opinione di ID secondo cui sistemi biologici complessi non avrebbero potuto sorgere sotto la supposizione di Darwin di un cambiamento graduale e incrementale per lunghi periodi di tempo. I querelanti, a loro volta, hanno chiamato come testimone un biologo molecolare che ha offerto spiegazioni naturali per i tre puzzle biochimici di Behe. La decisione del giudice John E. Jones III, tuttavia, non si è concentrata sulla sostanza dell'obiezione di Behe ​​all'evoluzione. Piuttosto ha seguito la logica impostata in McLean v. Arkansas.Affermando che i querelanti non erano in grado di tracciare una chiara distinzione tra ID e creazionismo speciale, Jones ha stabilito che l'introduzione dell'ID in un programma scolastico pubblico contravverrebbe alla clausola della Costituzione degli Stati Uniti che proibisce l'istituzione della religione.

Il fatto che questioni di scienza, filosofia o teologia siano dibattute in primo luogo suggerisce uno scontro di culture che non può essere risolto attraverso un dibattito razionale. Pur ammettendo che il razionalismo metodologico della scienza convenzionale ha avuto un successo favoloso, i sostenitori dell'ID sostenevano che la sua esclusione assiomatica del soprannaturale fosse restrittiva e suggerivano che si poteva sapere di più se solo i confini della scienza fossero stati ampliati (per includere quello chiama "realismo teistico"). Sebbene la ricerca di Behe ​​come biologo molecolare sia metodologicamente razionale, il suo obiettivo potrebbe essere il naturalismo metafisico , che riguarda il significato piuttosto che il metodo.

Thomas F. Glick è professore presso il Dipartimento di Storia, Boston University. È redattore di The Comparative Reception of Darwinism e Coeditor di Darwin on Evolution: The Development of the Theory of Natural Selection.