Enciclopedia

Compton Gamma Ray Observatory - Satellite degli Stati Uniti -

Compton Gamma Ray Observatory (CGRO) , satellite statunitense, uno dei satelliti "Great Observatories" della National Aeronautics and Space Administration (NASA), progettato per identificare le sorgenti dei raggi gamma celesti. In funzione dal 1991 al 1999, è stato chiamato in onore di Arthur Holly Compton, uno dei pionieri della fisica delle alte energie.

Il Compton Gamma Ray Observatory visto attraverso la finestra dello space shuttle durante il dispiegamento nel 1990.Vista della Galassia di Andromeda (Messier 31, M31). Quiz Astronomia e spazio Quiz Quale di questi oggetti è il più lontano dal Sole?

Alla fine degli anni '60 e all'inizio degli anni '70, i satelliti costruiti per rilevare le esplosioni nucleari da raggi gamma emessi hanno prodotto molti falsi rapporti. Ci si rese conto che momentanei "lampi" casuali di radiazioni gamma attraversano il sistema solare da sorgenti esterne. L'obiettivo principale del CGRO era determinare se questi lampi di raggi gamma sono all'interno della Via Lattea e di energia modesta o si trovano in galassie remote e di estrema energia.

Il satellite da 16 tonnellate è stato schierato dalla navetta spaziale l'11 aprile 1991. Quattro strumenti coprivano la gamma di energia da 20 keV (kiloelettron volt, o migliaia di elettron volt) al limite osservabile di 30 GeV (gigaelectron volt, o miliardi di elettronvolt) ). Uno spettrometro ha misurato i raggi gamma nell'intervallo 0,5-10 MeV (megaelettronvolt, o milioni di elettronvolt) dal flash ottico prodotto dal loro passaggio attraverso un rivelatore a scintillazione. Lo spettrometro aveva una scarsa risoluzione spaziale, ma, misurando le linee spettrali dal decadimento radioattivo, poteva identificare la composizione chimica delle sorgenti di raggi gamma. Due schiere planari di rivelatori a scintillazione distanti 1,5 metri (5 piedi) hanno fornito immagini del cielo con una risoluzione angolare di 2 °, che era eccellente per un telescopio a questa energia.Otto altri rivelatori a scintillazione (uno ad ogni angolo del satellite) che erano sensibili da 10 keV a 2 MeV avevano una risoluzione temporale sufficiente per tracciare la "curva di luce" di un lampo di raggi gamma della durata di pochi millisecondi. Inoltre, un telescopio che incorpora una camera della scintilla di un ordine di grandezza più grande e più sensibile di qualsiasi altro precedentemente utilizzato ha mappato il cielo a energie di 1–30 MeV.

EGRET mappa del cielo

Attraverso gli strumenti del CGRO, si è visto che i lampi di raggi gamma erano distribuiti uniformemente in tutto il cielo. Ciò ha dimostrato che le esplosioni erano a distanze cosmologiche, perché, se provenissero da eventi nella Via Lattea, sarebbero apparse prevalentemente sul piano galattico. Questo risultato (quando integrato con i dati di satelliti successivi come il BeppoSAX italo-olandese e con osservazioni post-burst a lunghezze d'onda ottiche) ha dimostrato che i burst sono il risultato di eventi estremamente violenti nelle galassie, alcune delle quali estremamente distanti.

Inoltre, il CGRO ha anche effettuato osservazioni significative di buchi neri supermassicci nelle galassie attive; quasar; blazar (una classe di quasar scoperti di recente che risplendono più luminosi nella gamma dei raggi gamma); buchi neri di massa stellare e stelle di neutroni prodotti quando le stelle si autodistruggono in esplosioni di supernova; e resti di supernova.

Dopo che uno dei giroscopi del CGRO si è guastato nel novembre 1999, la NASA ha deciso di deorbitare il satellite ed è rientrato nell'atmosfera il 4 giugno 2000.