Enciclopedia

Barry Goldwater sul conservatorismo -

Due anni prima di sfidare Lyndon B. Johnson nelle elezioni presidenziali statunitensi del 1964, il senatore Barry Goldwater si è impegnato in un dibattito con un collega senatore, Jacob K. Javits, nelle pagine di The Great Ideas Today , una pubblicazione. perché il futuro sta nel conservatorismo politico? " fu la domanda posta a entrambi gli uomini. Questa domanda, credevano gli editori di The Great Ideas Today , era abbastanza inclusiva da affrontare una serie di questioni urgenti del 1962, come:

Gli Stati Uniti dovrebbero cercare il disarmo mondiale? Le Nazioni Unite dovrebbero essere rafforzate e il loro ruolo negli affari mondiali dovrebbe essere aumentato? ... Un programma di cure mediche per gli anziani dovrebbe essere legato ai principi della previdenza sociale? Dovrebbero essere costruiti rifugi antiatomici e, in caso affermativo, da chi?

Sebbene la Guerra Fredda sia finita da tempo e Medicare e Medicaid siano programmi statunitensi consolidati, i principi che hanno animato queste domande e le hanno rese controverse nel 1962 continuano a farlo anche oggi. Con l'opposizione tra ideali conservatori e liberali che persistono come la grande divisione della politica americana, la voce di Goldwater continua a risuonare.

IL CASO DEL CONSERVATISMO

Quando parliamo del futuro dell'America, credo che dobbiamo legarlo irrevocabilmente al futuro della libertà nel mondo. Gli Stati Uniti oggi sono i leader delle forze antischiavista nel mondo e la loro condotta, sia in patria che nella sfera internazionale, ha ramificazioni che si estendono ben oltre i nostri confini.

E a causa di questo ruolo, credo che la speranza futura per l'America risieda nel conservatorismo politico. Dato che il mondo è quello che è in quest'anno del 1962, non credo che abbiamo scelta. Credo che la natura del nemico abbia deciso questa domanda per noi - per quanto riluttanti come alcuni aderenti al collettivismo benevolo sembrano accettare la realtà.

In effetti, credo che il lavoro del conservatorismo oggi sia il lavoro di ogni americano. Siamo di fronte a una minaccia mondiale da parte delle forze totalitarie di sinistra. Che ci piaccia o no, gli eventi di ispirazione comunista in tutto il mondo hanno necessariamente posto questa nazione in una posizione conservatrice. Ci troviamo contrapposti alla società totalmente irreggimentata. Ci troviamo a contestare con lo stato onnipotente. Ci troviamo nel ruolo di guardiani e difensori di un sistema sociale giusto e di un ordine civile dignitoso. Ci troviamo presentati come i primi possessori al mondo delle benedizioni che fluiscono naturalmente da un sistema governativo fondato sulla libertà dell'individuo. In altre parole, ci troviamo - più che mai nella nostra storia - in una posizione conservatrice, a difendere la libertà individuale contro la minaccia della schiavitù collettivista.

Ora quanto siamo attrezzati per assumere questa posizione? Quanto siamo profondamente dediti, dentro e fuori dal governo, alla nostra sacra causa? Quanto siamo attrezzati per incontrare e sconfiggere un nemico che porta contro di noi il massimo dello zelo e del fanatismo?

Queste sono domande che oggi gli americani sempre più preoccupati si pongono a se stessi e ai loro leader nazionali. L'evidenza è forte e sempre più forte che c'è qualcosa di sbagliato nell'orientamento dato dai liberali americani per la lotta che ci aspetta. C'è motivo di chiedersi se questi liberali comprendano pienamente e accuratamente ciò che minaccia la nostra sopravvivenza e la causa della libertà. Ci sono forti motivi per chiedersi se quelli con una lunga storia di tolleranza per quello che una volta veniva definito "il grande esperimento in Russia" sono filosoficamente e ideologicamente capaci di affrontare il comunismo ora che il comunismo è diventato il nostro nemico mortale provato.Abbiamo motivo di chiederci se i devoti liberali americani abbiano davvero il cuore per il tipo di sforzo che ci vorrà per conquistare le forze che hanno giurato di seppellirci.

Cos'altro dobbiamo pensare quando consideriamo le proposte offerte nel campo della politica estera da saggisti liberali scritti in una recente pubblicazione chiamata The Liberal Papers ? Questo documento, spaventoso nella sua ingenuità di sinistra e nella sua sfumatura di nudo appagamento del comunismo, è stato prodotto da un gruppo chiamato Progetto Liberale. I fondatori del progetto includono membri del Congresso Democratico, ex membri del Congresso Democratico e funzionari del governo.

Direi che sono i suggerimenti contenuti in The Liberal Paperssono importanti sia come monito per il popolo americano sia come guida verso dove le politiche liberali porterebbero gli Stati Uniti se non adeguatamente contenute. In una parola, ci porterebbero alla resa abietta di praticamente tutti i nostri interessi strategici nazionali nell'attuale lotta contro il comunismo internazionale. Chiedono, tra le altre cose, il riconoscimento degli Stati Uniti, l'adesione alle Nazioni Unite e gli aiuti finanziari degli Stati Uniti alla Cina Rossa; per il riconoscimento da parte degli Stati Uniti della rivendicazione della Cina Rossa su Formosa e Pescadores; per la smilitarizzazione della Repubblica Federale Tedesca; per il riconoscimento statunitense del regime fantoccio comunista nella Germania dell'Est; per l'espulsione di Germania Ovest, Italia, Scandinavia e Francia dall'organizzazione NATO; per la chiusura delle basi missilistiche americane in Europa; per un invito in Russia a collegarsi a una linea DEW bidirezionale.

Il peso dell'argomento presentato in The Liberal Papers sta nel fatto che abbiamo reso uno spauracchio il nostro nemico comunista mentre, in realtà, potrebbe essere davvero un bravo ragazzo che vuole ridurre le tensioni mondiali. Il modo in cui possiamo dimostrarlo, continua la tesi liberale, è intraprendere un'ampia azione unilaterale, sacrificando cose come la forza della NATO, e vedere se la Russia e la Cina rossa non ricambiano in natura.

Ora questa è una sciocchezza evidente, e nessuno si aspetta che il Presidente degli Stati Uniti segua una condotta così ridicola. Ma il punto importante da tenere a mente qui è che queste proposte sono avanzate dalla posizione liberale nello spettro politico americano. Sono esempi di estremismo molto più pericolosi del tipo di estremismo anticomunista che ha così agitato la comunità liberale americana. Tuttavia, queste proposte non sono state oggetto di alcuna denuncia da parte della comunità intellettuale di sinistra. Sono stati sconfessati come non rappresentativi delle loro opinioni da alcuni membri del Congresso democratico i cui nomi sono stati collegati al Progetto Liberale. Ma sono stati anche difesi come un tipo di sana discussione che dovrebbe circondare lo sviluppo della politica americana nella Guerra Fredda.

Nel loro estremismo e nel loro completo disprezzo per la realtà di questi tempi critici, queste proposte meritano di più. Richiedono un completo screditamento da parte di persone di convinzioni liberali che oggi stanno tentando di convincere il popolo americano che il loro approccio ai problemi degli Stati Uniti e del mondo è l'approccio corretto. Suggerisco che la crescente consapevolezza che la nostra posizione nel mondo di oggi è una posizione conservatrice e che ci vuole più di una pacificazione per difendere quella posizione è una delle cause profonde della fenomenale crescita del pensiero conservatore in America oggi. A ciò, ovviamente, si deve aggiungere il disincanto nazionale per le politiche economiche di stravaganza e tasse elevate,politiche che sono costate al popolo americano miliardi e miliardi di dollari e che ancora ci hanno lasciato con un alto tasso di disoccupazione e un lento tasso di crescita economica.

Le risposte che i liberali ci hanno dato negli anni sono state provate e trovate carenti, non solo nell'economia interna, ma anche nella condotta americana della guerra fredda. I liberali hanno avuto occasione dopo occasione di dimostrare le loro teorie su ciò che è buono per l'America. Hanno avuto accesso quasi con carta bianca al tesoro pubblico. Hanno avuto mano libera per testare i vantaggi del Welfare State. Hanno sperimentato la pianificazione sociale ed economica. Hanno esteso la generosità americana a ogni parte del mondo. Hanno avuto ampie opportunità di esplorare i vantaggi di contestare il comunismo nel mondo dell'opinione pubblica. Hanno esaurito i limiti della dolce ragione e dell'idealismo internazionale nel gestire la minaccia sovietica.Hanno dato pieno sfogo all'idea che il modo di condurre la politica estera americana sia attraverso l'estrema deferenza verso l'ONU.

E cosa ha fatto tutto questo per noi?

Per prima cosa, ci ha messo in linea per un budget di cento miliardi di dollari nel giro di pochi anni. Ci ha dato una delle aliquote fiscali più alte che un paese libero abbia mai sperimentato. Ci ha fornito un sistema monetario pericolosamente minacciato, una bilancia dei pagamenti internazionali sfavorevole, una riserva aurea gravemente esaurita. Ci ha posti in una posizione difensiva durante la Guerra Fredda, una posizione in cui un nuovo arrivato comunista a Cuba può minacciare l'intero emisfero occidentale; una posizione in cui i muri comunisti possono essere costruiti contro la libertà nella totale impunità; una posizione che ci trova a sostenere l'aggressione contro gli anticomunisti filo-occidentali in Congo.

Suggerisco che l'approccio liberale ai problemi americani abbia fallito miseramente in quasi ogni sfera di attività. Suggerisco che gli uomini impegnati nel collettivismo e nell'ingegneria sociale negli affari interni siano mal equipaggiati - anzi, quasi incapaci di - combattere la malattia della schiavitù collettivista mondiale come esemplificata dal comunismo internazionale. Suggerisco che tali uomini si appoggeranno naturalmente e compulsivamente a ogni forma di pacificazione, sperando contro ogni speranza che si possa trovare qualche base per la convivenza con il comunismo. Suggerisco che tali tendenze e tali speranze di fronte alla brutale aggressione comunista contengano i semi della distruzione per gli Stati Uniti d'America.

Oggi siamo in una posizione in cui solo la rapida applicazione di principi conservatori può far fronte alla minaccia.

Siamo in una posizione in cui dobbiamo - per amore della sopravvivenza - riconoscere il comunismo per il nemico che è e dedicarci una volta per tutte a una politica di vittoria.

Siamo in una posizione in cui tutte le risorse al nostro comando devono essere incanalate nella lotta per la libertà.

A cosa ci è servito fingere che il comunismo sia qualcosa di meno del nostro nemico giurato? A cosa è servito spendere miliardi di dollari per aiutare a costruire l'economia e il potenziale bellico delle nazioni comuniste? A che serve cercare di imburrare le cosiddette nazioni neutrali con elargizioni di aiuti stranieri? A cosa ci è servito seguire il corso irresponsabile della stravaganza pubblica, del finanziamento del deficit e dell'inflazione all'interno?

Queste sono le domande, suggerisco, che gli americani si pongono oggi nella loro ricerca di una politica che rimetta questo paese in una posizione offensiva. Queste sono le domande che stanno accompagnando la crescita del conservatorismo in America oggi.

Quanto è forte e quanto diffuso è oggi il revival conservatore in America? Quanto è duraturo? È una moda che fiorirà oggi e forse domani e poi perderà il suo slancio e si spegnerà del tutto? O è davvero un vasto movimento radicato nella valida preoccupazione patriottica del popolo americano per la sopravvivenza della nostra nazione e il futuro della libertà? È un approccio limitato da fasce di età o aree geografiche? O è un movimento con un appello illimitato per tutti coloro che apprezzano la libertà e temono il comunismo così come l'invasione del grande governo socializzato?