Enciclopedia

Dawn - Missione, scoperte e fatti -

Dawn , navicella spaziale statunitense che orbitava intorno al grande asteroide Vesta e al pianeta nano Cerere. Dawn è stato lanciato il 27 settembre 2007 e ha sorvolato Marte il 17 febbraio 2009, per aiutare a rimodellare la sua traiettoria verso la fascia degli asteroidi. L'alba è arrivata a Vesta il 16 luglio 2011 e ha orbitato intorno a Vesta fino al 5 settembre 2012, quando è partita per Cerere. È arrivato a Cerere il 6 marzo 2015 e la sua missione è terminata lì l'1 novembre 2018. Vesta e Cerere esemplificano l'evoluzione planetaria dall'inizio della storia del sistema solare.

Veicolo spaziale DawnVista della Galassia di Andromeda (Messier 31, M31). Quiz Astronomia e spazio Quiz Il giorno in cui i raggi diretti del Sole attraversano l'equatore celeste è chiamato:

Dawn utilizzava la propulsione solare-elettrica. Aveva tre propulsori agli ioni di xeno basati su quelli del satellite Deep Space 1 degli Stati Uniti e che producevano continuamente 92 millinewton (0,021 libbre) di spinta. Dawn ha utilizzato l'elettricità generata dai suoi pannelli solari per ionizzare lo xeno. I propulsori allo xeno hanno fornito la spinta di crociera per portare la navicella dalla Terra a Cerere e Vesta, ma per l'inserimento e la partenza orbitale sono stati utilizzati propulsori di idrazina più potenti.

Dawn

Gli strumenti scientifici principali erano due fotocamere identiche da 1.024 × 1.024 pixel fornite da quattro agenzie e università tedesche. Una ruota portafiltri faceva passare la luce bianca o selezionava una delle sette bande dal vicino ultravioletto al vicino infrarosso.

Vesta

Lo spettrometro per la mappatura del visibile e dell'infrarosso, fornito dall'Istituto Nazionale Italiano di Astrofisica, era basato su uno strumento precedente che era a bordo del satellite dell'Agenzia Spaziale Europea Rosetta. Questo spettrometro ha analizzato minerali e altre sostanze chimiche in base a ciò che assorbono dalla luce solare incidente. Lo spettrometro di raggi gamma / neutroni sviluppato dal Los Alamos National Laboratory degli Stati Uniti ha anche analizzato la chimica della superficie misurando la radiazione del Sole che viene dispersa nello spazio. In particolare, ha misurato le abbondanze di ossigeno, silicio, ferro, titanio, magnesio, alluminio e calcio - tutti elementi chiave per la composizione dei corpi planetari - e di oligoelementi come l'uranio e il potassio.

Le misurazioni dell'orbita di Dawn hanno confermato che, a differenza di altri asteroidi, Vesta è in realtà un protopianeta, cioè un corpo che non è solo una roccia gigante, ma ha una struttura interna e avrebbe formato un pianeta se l'accrescimento fosse continuato. Vesta ha un nucleo di ferro tra 214 e 226 km (133 e 140 miglia) di diametro. Le telecamere di Dawn hanno mostrato diverse lunghe serie di solchi chiamati fossae, una delle quali, Divalia Fossa, si estende per più della metà intorno all'equatore dell'asteroide, così come diversi grandi crateri da impatto, tre dei quali, Marcia, Calpurnia e Minucia, formano una disposizione simile a un pupazzo di neve . Le misurazioni spettrali della superficie dell'asteroide hanno confermato la teoria secondo cui Vesta è l'origine dei meteoriti howardite-eucrite-diogenite (HED) trovati sulla Terra.

Durante il suo avvicinamento a Cerere, Dawn ha osservato due punti molto luminosi, Vinalia Faculae e Cerealia Facula, nel cratere Occator. I punti luminosi erano sali altamente riflettenti lasciati quando l'acqua salata da un serbatoio sotterraneo filtrava verso l'alto da un serbatoio sotterraneo di acqua salmastra ed evaporava. L'acqua è filtrata attraverso le fratture lasciate quando il cratere si è formato 20 milioni di anni fa. Poiché le regioni salate non erano state oscurate dagli impatti di micrometeoriti, i punti luminosi si erano formati negli ultimi 2 milioni di anni. Poiché i punti luminosi contengono composti salini con acqua che non si è disidratata, l'acqua salmastra deve aver filtrato verso l'alto negli ultimi cento anni, suggerendo che l'acqua liquida salata sotto il cratere non si è congelata e forse attualmente sta filtrando dal sottosuolo.

Cerere: punti luminosi