Enciclopedia

Povertà in Asia meridionale -

La regione dell'Asia meridionale, che comprende India, Pakistan, Bangladesh, Nepal, Sri Lanka, Bhutan e Maldive, nel 1997 rappresentava un quinto della popolazione mondiale, due terzi dei suoi poveri assoluti e la metà dei suoi analfabeti adulti. Secondo uno studio ben studiato di Mahbub ul-Haq pubblicato nel 1997, "l'Asia meridionale sta rapidamente emergendo come la regione più povera, più analfabeta, più malnutrita, meno sensibile al genere - anzi, la regione più svantaggiata del mondo . " Dei 1.191.000.000 di abitanti della regione (stima di metà 1993), 527 milioni guadagnavano meno di $ 1 al giorno, 337 milioni non avevano accesso all'acqua potabile e metà dei bambini era sottopeso. Il reddito pro capite annuale dell'Asia meridionale di $ 309 era inferiore anche a quello dell'Africa subsahariana, che si attestava a $ 551.

La regione non è sempre stata così terribilmente povera. Fino a 200 anni fa, l'India (che comprendeva anche gli attuali Pakistan e Bangladesh) era sinonimo di ricchezza, patria di beni molto ricercati come tessuti di cotone, spezie, zucchero e pietre preziose. La sua ricchezza, tuttavia, ha spianato la strada alla sua povertà attirando avventurieri e invasori dal resto dell'Asia e dall'Europa. Quando le potenze europee invasero e colonizzarono la regione, ne prosciugarono sistematicamente le risorse, una caratteristica del colonialismo. I governanti introdussero nuove tecnologie e ampliarono l'area che era irrigata, ma le loro politiche economiche generali non favorirono la formazione di capitale e l'accesso al know-how industriale essenziale per l'industrializzazione e la modernizzazione dell'agricoltura. Quando la Gran Bretagna si ritirò dal subcontinente indiano nel 1947,la percentuale di persone che traevano il proprio sostentamento dall'industria era inferiore a quella della seconda metà del XVIII secolo. Anche durante i secoli di ricchezza, tuttavia, la società indiana è stata segnata da disparità estreme, con gli "intoccabili" di casta bassa condannati alla povertà estrema.

I paesi dell'Asia meridionale non possono incolpare il colonialismo per tutte le loro disgrazie. Nel 1997 erano liberi da 50 anni e le politiche che hanno adottato non sono meno responsabili della loro situazione. Anche diversi paesi della vicina regione dell'Asia orientale e sud-orientale erano stati colonizzati. I redditi pro capite in entrambe le regioni erano più o meno simili nel 1968, ma nei 30 anni trascorsi da quel momento, molti dei paesi dell'Asia orientale e sudorientale hanno compiuto progressi economici spettacolari. Secondo Mahbub, "l'Asia orientale (esclusa la Cina) gode ora di 27 volte il reddito pro capite dell'Asia meridionale".

Le ragioni principali del successo dell'Asia orientale includono il passaggio all'adozione di una crescita trainata dalle esportazioni, il miglioramento del capitale umano attraverso l'alfabetizzazione degli adulti e l'istruzione tecnica, una maggiore fornitura di strutture sanitarie e riforme agrarie. Un altro fattore è la stabilità comparativa dei suoi governi, sebbene molti siano autoritari.

Al contrario, i paesi dell'Asia meridionale hanno perseguito una crescita guidata dal governo con ampi controlli burocratici. L'India, ad esempio, adottò la pianificazione centralizzata nel 1952, che nei successivi tre decenni portò a quello che fu soprannominato il "tasso di crescita indù" del 2-3% all'anno. Mentre l'India è orgogliosa della sua democrazia, il sistema ha portato a una molteplicità di sussidi. Il Pakistan, che ha alternato governo civile e governo militare, ha comunque raggiunto un tasso di crescita annuo del 6% per quasi quattro decenni, ma con scarso impatto sulle disparità di reddito tra la sua popolazione. È rimasto indietro rispetto ai suoi vicini in materia di alfabetizzazione, assistenza sanitaria e controllo della popolazione.Lo Sri Lanka ha un record degno di alfabetizzazione e servizi sanitari - i livelli sono paragonabili a quelli di molti paesi avanzati - ma è rimasto incapace di accelerare il suo tasso di crescita a causa dei conflitti etnici che hanno richiesto un esborso per la difesa del 4,7% del lordo interno prodotto (PIL). Anche India e Pakistan spendono una quota elevata del PIL per la difesa (3,6% in India e 7% in Pakistan).

Qualunque altra cosa cresca o non cresca in Asia meridionale, la popolazione lo fa. Negli ultimi 50 anni la sua popolazione è quasi triplicata; è passato da 563 milioni nel 1960 agli attuali 1.191.000.000. A causa dei farmaci moderni e delle campagne nazionali contro le epidemie, il tasso di mortalità era più facile da controllare rispetto al tasso di natalità. Per essere efficace, il controllo delle nascite richiede istruzione, in particolare delle donne, e servizi sanitari pubblici ben organizzati. Anche se la percentuale di persone che vivevano al di sotto della soglia di povertà in India stava diminuendo, nel 1997 c'erano più poveri in India che ai tempi dell'indipendenza. Nel 1993 il numero di poveri era stimato a 416 milioni, rispetto a una popolazione totale di soli 361 milioni nel censimento del 1951. I tassi di crescita media annua della popolazione della regione tra il 1990 e il 1995 sono stati: India 1,8%, Pakistan 2,9%, Bangladesh 1,6%,Nepal 2,5% e Sri Lanka 1,2%.

Non è che non ci siano storie di successo nella regione. L'India ha raggiunto l'autosufficienza nella produzione alimentare e dispone di una serie di industrie tecnologicamente avanzate. Il Pakistan ha mantenuto un alto tasso di crescita economica. Il Bangladesh ha ridotto il suo tasso di crescita della popolazione dal 2,4% nel 1980-90 all'1,6% nel 1990-95 e ha vivaci organizzazioni non governative che lavorano per sviluppare l'economia della nazione. Lo Sri Lanka dispone di servizi sanitari efficaci.

Mohandas Gandhi una volta ha descritto l'essenza della libertà come "asciugare ogni lacrima da ogni occhio". Dopo 50 anni di libertà, la percentuale di coloro che soffrono di disagio nell'Asia meridionale è più alta che in qualsiasi altra regione del mondo. I paesi della regione negli ultimi mesi hanno allentato i loro rigidi controlli economici e hanno iniziato a dare al settore privato un ruolo maggiore nella crescita. Mantenendo la liberalizzazione economica; assegnando maggiori risorse all'alfabetizzazione, all'istruzione tecnica e ai servizi sanitari; e perseguendo misure di controllo della popolazione con maggiore vigore, l'Asia meridionale può cessare entro una generazione di essere la regione malata del mondo.

HY Sharada Prasad è l'ex consigliere per l'informazione del primo ministro indiano.